Archivio

Archivio per novembre 2010

rinviato sfratto a castello di serravalle (Bo)

30 novembre 2010 Commenti chiusi

Bologna, 30 novembre 2010

Comunicato stampa

Oggi 30 novembre 2010, grazie ad un presidio sostenuto da AS.I.A.-USB è stato rinviata l’esecuzione di uno sfratto per morosità a Castello di Serravalle, Bologna. Lo sfratto, oggi in esecuzione per una famiglia, è a carico di tutti gli inquilini dello stabile affittuari dello stesso proprietario. Lo stabile in questione è oggetto di un contenzioso legale nel quale gli inquilini contestano al proprietario abuso edilizio, la stipula di contratti che riportano il falso.
Il presidio è riuscito ad ottenere un rinvio al 14 dicembre. Nel frattempo, in data 9 dicembre ci sarà un’ulteriore udienza nella quale verranno valutati gli elementi presentati per ottenere il blocco della procedura di sfratto. Se così non fosse ci diamo appuntamento per un altro presidio il 14 Dicembre.

Per AS.I.A.-USB
Federico Orlandini

http://asia.usb.it/
bologna.asia@usb.it

Categorie:General Tag:

11 dicembre bologna

30 novembre 2010 Commenti chiusi

i veri furbi

26 novembre 2010 Commenti chiusi

Comunicato stampa
26 novembre 2010 Bologna

In merito agli aumenti degli affitti

Ogni giorno una parte del welfare viene attaccata, oggi è il turno degli affitti delle case popolari.
Il tavolo provinciale ha infatti oggi deciso aumenti per tutte le fasce di reddito. Si parla di una incidenza sul reddito che arriva al 18%, percentuale sicuramente troppo alta per chi vive dentro le case popolari. Si continuano a giustificare questi aumenti in previsione di una migliore gestione del patrimonio, affiancati da maggiori controlli sui redditi per stanare i “furbi”. Nel primo caso troviamo inaccettabile che si vogliano trovare fondi andando a prenderli da chi già vive in casa popolare, continuando a prendere da chi non ha, mentre si favorisce la rendita, la speculazione, grazie ad una politica fiscale che favorisce gli alti redditi a scapito di quelli bassi. Nel secondo caso la cosiddetta campagna contro i furbi vuole semplicemente nascondere la cronica mancanza di case popolari di fronte ad una vertiginosa richiesta, come dimostra l’aumento di 1000 domande ogni sei mesi, nella graduatoria per l’ERP. Si vuole scaricare la colpa su altri, alimentando una guerra tra poveri, dove gli unici veri responsabili sono le amministrazioni, a tutti i livelli, i veri “furbi” sono loro.
Tutte queste manovre sono state eseguite senza intoppi, non rispettando la democrazia sindacale, non chiamando le organizzazioni sindacali non accondiscendenti, come l’AS.I.A.-USB.
L’emergenza abitativa è una drammatica realtà per la città di Bologna e per la sua provincia, per la quale le amministrazioni locali non hanno avuto né la capacita né la volontà di provare a dare risposte concrete al problema. Hanno invece trattando di volta in volta questa emergenza come un problema di ordine pubblico o di marginalità. Questa decisione di aumentare gli affitti non risolverà un problema ma ne creerà molti altri. Gli inquilini e gli assegnatari parteciperanno quindi alla manifestazione indetta dalla campagna welfare in comune l’11 dicembre a Bologna per riaffermare il diritto alla casa per tutti.

Per l’AS.I.A.-USB
Lidia Triossi

welfare in comune

25 novembre 2010 Commenti chiusi

video campagna welfare in comune

Contro-informazione del BPC

25 novembre 2010 Commenti chiusi

Prosegue il piano di svendita delle aree delle ex caserme, si sono palesati i primi compratori interessati, che ieri hanno effettuato un tour panoramico delle loro future proprietà, e il 15 dicembre si apriranno le buste che aggiudicheranno le prime tre caserme. Prosegue quindi anche la campagna che vuole impedire la privatizzazione delle proprietà e dei beni pubblici. Sono apparsi su ex caserme e altri muri della città questa mattina striscioni di denuncia del furto in atto alla collettività, un gesto che vuole ricordare che esiste un’altra voce. Altre iniziative di informazione e denuncia sono previste nelle prossime settimane.

Bologna Prende Casa

video 16 novembre

17 novembre 2010 Commenti chiusi

foto presidio 16 novembre

17 novembre 2010 Commenti chiusi

Presidio contro la svendita delle caserme di Bologna, contro una nuova politica di speculazione.
I nostri “RIS” sono intervenuti per accertare il reato di “rendita” e per riconsegnare queste aree al bene comune.
Bologna Prende Casa

riunione welfare in comune

16 novembre 2010 Commenti chiusi

E’ convocata per lunedì 22 novembre alle ore 18.00 presso la sala
Consiliare del quartiere Porto in via dello Scalo 21, la riunione
della campagna Welfare in Comune, per dare continuità ai progetti e
alle proposte emerse dall’assemblea pubblica che si è tenuta il 9
novembre scorso. Sono numerosi gli appuntamenti previsti, a partire
dalla manifestazione cittadina del prossimo 11 dicembre. La
partecipazione è aperta a tutti coloro che condividono l’appello della
campagna e che vogliono portare il proprio contributo.

Welfare in comune

http://welfareincomune.blogspot.com/

CAPIRE LE RAGIONI DELLA RESISTENZA PALESTINESE

16 novembre 2010 Commenti chiusi

Capire le ragioni della resistenza del popolo palestinese, vuol dire capire contro cosa combattono. Il sionismo è il vero ostacolo alla pace in Palestina, essendo una ideologia razzista e colonialista. E’ per queste ragioni che il Comitato Palestina Bologna organizza una conferenza pubblica venerdi 19 novembre alle ore 18.00 presso il Centro Interculturale Zonarelli in via G.A.Sacco n.14 a Bologna dal tema: PALESTINA, UNA TERRA CANCELLATA DALLE MAPPE – 10 DOMANDE SUL SIONISMO. Alla conferenza parteciperà Vera Pegna della Fondazione Lelio Basso-sezione internazionale, Fausto Gianelli dei Giuristi Democratici, il collettivo autorganizzato universitario di Napoli e Vincenzo Brandi del Forum Palenstina. All’interno della conferenza verranno presentati gli atti del convegno di Roma dello scorso novembre a cura del Forum Palestina sul sionismo.

Questa iniziativa ci sembra ancor più importante se rapportata ai tentativi anche a sinistra di cavalcare l’ideologia sionista e l’islamofobia come nel caso del prossimo congresso nazionale dell’associazione sinistra per israele che si terra nella nostra città il 21 novembre, patrocinato dalla stessa amministrazione provinciale. Il congresso dell’associazione sinistra per israele vede tra le sue file dirigenti nazionali e locali del PD, dell’Italia dei Valori e della SEL, forze che in questi anni hanno accettato e supportato le campagne militari dell’Italia nel medio oriente a favore della strategia USA. Queste stesse forze che parlano di guerre umanitarie, di missioni militari di pace, vogliono anche per la questione palestinese trasformare gli invasori in invasi, i carnefici in vittime. Ricordiamo che l’Emilia Romagna è una delle regioni che ha più rapporti con lo stato d’Israele, supportando di fatto uno stato razzista e autoritario.

Essere quindi solidali con le ragioni del popolo palestinese vuol dire capire e smascherare i meccanismi, la propaganda e l’ideologia stessa sionista.

COMITATO PALESTINA BOLOGNA

————————-
All’iniziativa del comitato palestina partecipa anche ass sopra i ponti e Bologna Prende Casa

emergenza abitativa e democrazia sindacale

15 novembre 2010 Commenti chiusi

Comunicato stampa
15 novembre 2010

Aumentano gli affitti in casa popolare con la complicità della Provincia.

Dopo aver dichiarato l’intenzione di aumentare gli affitti in casa popolare, questo commissariamento fa passi avanti convocando il tavolo provinciale, luogo deputato alla decisione definitiva.

Si sono svolti già due tavoli nel più completo silenzio e con l’esclusione dell’associazione sindacale che aveva già pubblicamente dichiarato la propria contrarietà, AS.I.A.-USB. Dopo aver chiesto, la scorsa settimana, ragione di tale esclusione, dal momento che si tratta di un’organizzazione sindacale riconosciuta anche da un protocollo di relazioni sindacali siglato con il comune di Bologna l’assessore competente, ovvero il vicepresidente Giacomo Venturi, dichiara verbalmente che il problema è di natura tecnica e che sarebbe arrivata una convocazione per il prossimo imminente tavolo. Questa dichiarazione oggi viene smentita, la motivazione riporta testualmente:“vista l’attuale fase sostanzialmente conclusiva del percorso inerente alcuni provvedimenti in materia di politiche abitative”. Quindi si dimostra che il percorso è già a buon punto e le decisioni sono state prese:gli aumenti si faranno! L’AS.I.A.-USB ha già raccolto e continua a raccogliere centinaia di firme tra gli assegnatari per dire no all’aumento dell’affitto e a organizzare riunioni nei diversi quartieri.

L’esclusione dell’AS.I.A.-USB è una gravissima violazione della democrazia sindacale, è il tentativo di esclusione di chi difende i diritti degli assegnatari, degli inquilini e dei cittadini tutti. Questi stessi tentativi di esclusione sono portati avanti anche dal Commissario Prefettizio di Bologna nei confronti della nostra confederazione sindacale l’USB, per fare i tagli al welfare senza disturbi al manovratore….

L’amministrazione provinciale, di centro sinistra, ha deciso quindi di escludere in partenza ogni voce critica. Nello specifico la nostra organizzazione, una delle poche che sul territorio in questi mesi ha denunciato l’emergenza abitativa, l’immobilismo e le responsabilità delle amministrazioni, difendendo concretamente il diritto alla casa. Non accetteremo quindi più lezioni di legalità da chi è nell’illegalità.

Per ASIA-USB
Lidia Triossi

Associazione Inquilini e Assegnatari (ASIA-USB)
bologna.asia@usb.it
cell 3407106022