Archivio

Archivio per agosto 2009

sul sindacalismo metropolitano a Bologna

30 agosto 2009 Commenti chiusi

le sue sperimentazioni il caso Bologna

E’ ormai da diverso tempo che si è aperta la discussione in merito al sindacalismo metropolitano, diventando uno dei punti qualificanti su cui si è costruita l’assemblea nazionale della CUB di Riccione.

Il sindacalismo metropolitano vuole essere la capacità di una struttura sindacale di intervenire e organizzare le fasce popolari partendo dai territori, andando a integrare la pratica sindacale sui posti di lavoro. Questo non è una novità se si considera la storia del sindacalismo, che ha sempre oscillato tra il piano territoriale e quello aziendale. Tuttavia non va confuso con le Camere del Lavoro, che avevano come base di partenza la sommatoria delle diverse categorie d’azienda, cosi come non è una moderna associazione di consumatori.
Il sindacalismo metropolitano si rivolge in due direttive: da una parte creando organizzazione e conflitto rispetto al reddito indiretto (servizi, casa, diritti civili, ecc…) dall’altra creando uno spazio organizzativo e rivendicativo per fasce di lavoratori che non possono essere inquadrati a livello aziendale, vuoi per la tipologia contrattuale, o per la mansione di lavoro. Più in generale pensa a forme di intervento che sappiano coniugare i diversi aspetti aziendali con quelli territoriali.

Prosegui la lettura…

Categorie:Documenti Tag:

In merito alla Fondazione Lercaro

5 agosto 2009 Commenti chiusi

5 agosto 2009 Bologna

Dopo aver richiesto un incontro alla fondazione Lercaro e allo studio legale che la rappresenta per giungere ad un incontro che “potesse conciliare le esigenze della Fondazione e le possibilità economiche del nucleo”, e dopo aver ricevuto risposta dallo studio legale medesimo in cui si dice che “in ragione della convalida dello sfratto la nostra assistita intende ottenere la disponibilità dell’immobile”, apprendiamo dalla stampa che la Fondazione non ha chiesto l’esecuzione.

Ci teniamo comunque a ricordare che i passaggi legali effettuati hanno un peso, e che la vicenda avrebbe potuto essere affrontata con altri strumenti. Speriamo che la dichiarazione della Fondazione Lercaro sia un primo passo per giungere ad una positiva conclusione della vicenda per i nostri iscritti sfrattati.
In merito all’articolo del 5/08/2009 pubblicato su “La Padania” riguardo a questa vicenda riteniamo pretestuoso l’utilizzo che si è fatto del caso. Il caro affitti e l’emergenza casa non attengono alla cittadinanza né alla nazionalità, ma a tutti i lavoratori, è quindi un problema di reddito e diritti, non di colore della pelle.

Per AS.I.A.-RdB Bologna

Federico Orlandini